Nissan Murano a bioetanolo: idea clamorosa. Le mie speranze, i miei dubbi

Murano

La Nissan (Gruppo Renault) ha annunciato l'avvio di una serie di test su veicoli alimentati a bioetanolo nell'ambito del progetto Tokachi E10. Si tratta di un'iniziativa - la prima nel suo genere in Giappone - finalizzata a verificare l'applicabilità del carburante E10, una miscela al 10% di etanolo.

La Casa nipponica sosterrà anche la ricerca sull'efficienza di combustione e sulle emissioni di scarico dei motori E10. I dati raccolti sulle performance dei veicoli serviranno a perfezionare la messa a punto di propulsioni al bioetanolo E10, consentendo agli ingegneri di identificare le principali aree di miglioramento per accelerare l'introduzione sul mercato di biocarburanti e automobili E10.

Il bioetanolo di questo progetto viene prodotto utilizzando frumento e barbabietola da zucchero di seconda scelta, in maniera tale da minimizzare l'impatto sulle scorte alimentari. La capacità produttiva del progetto è di 15.000 chilolitri di bioetanolo.

Il bioetanolo è considerato una fonte energetica rinnovabile, perché derivato da piante come la canna da zucchero o la soia, e non contribuisce pertanto all'aumento del livello netto di anidride carbonica nell'atmosfera, al contrario di quanto accade invece con i combustibili fossili. Da molti anni il bioetanolo viene commercializzato negli Stati Uniti e in Brasile, e la sua popolarità va crescendo in tutto il mondo.

Negli Stati Uniti Nissan ha messo in commercio due veicoli E85-compatibili - il pickup full-size Titan e il SUV Armada - e continua a studiare e promuovere le tecnologie dei biocarburanti a livello mondiale.
Si tratta di esperimenti fondamentali per

il futuro, visto il prezzo del petrolio. Spero davvero che ne escano risultati soddisfacenti. Certo che il rischio è "bruciare" risorse alimentari a favore del carburante. Voi che ne pensate?

ps Vuoi partecipare alla comunità di Blogosfere sull'auto? Visita 4 blog: Auto Novità - Mondo Auto - Dalla parte di chi guida - Auto Insight

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.