NUOVA SEAT TRIBÙ: uno sguardo al futuro

Medium_18477.jpg

Seat ha scelto lo scorso Salone di Francoforte per presentare la Nuova Seat Tribù, concept car, dalle forme più squadrate e tratti incisivi, linee spigolose e compatte che accrescono la tensione superficiale degli elementi costituivi l'architettura del modello: tutto questo segna l'evoluzione del design attuale, caratteristico dei modelli SEAT.

La Tribù presenta quindi un aspetto solido, sportivo e decisamente versatile. Interni accoglienti, ricchi di comfort e tecnologia. E come presupposto un propulsore Diesel ad alte prestazioni, rispettoso dell'ambiente. La Tribù riesce a sintetizzare due mondi differenti: quello urbano e quello extra-urbano. Di fatto, si potrebbe dire che è un'automobile concepita sia per la città, che per il tempo libero.

In un'unica carrozzeria sono riunite tre modalità ben distinte che il conducente può di volta in volta selezionare. Le denominazioni Urban, Sport e Free-run infatti, individuano nella nuova concept-car SEAT la possibilità di modificare i suoi parametri (gestione motore, sospensioni, cambio ecc.) per adattarsi alla situazione di guida.

Come indicato dal nome stesso, la modalità Urban è impiegata per circolare in città, dando priorità al comfort e al risparmio di carburante, riducendo così il livello di emissioni. La modalità Sport, i cui parametri principali sono le prestazioni e il comportamento dinamico, si seleziona quando si desidera sfruttare tutta la forza di propulsione della Tribù. Infine, quando si lasciano le strade asfaltate, la modalità Free-run adatta motore, cambio e sospensioni per fare risaltare la quintessenza 4x4 della Tribù.

La Tribù, però, non adatta solo i propri parametri in funzione della modalità di guida scelta. Si adattano anche le informazioni fornite dalla strumentazione e, in alcuni casi, cambia anche la configurazione stessa all'interno del veicolo.

Small_18475.jpg

Come si legge nel comunicato stampa: 

La nuova Tribù presenta tutti i tratti tipici di un vero SUV e, come per i fuoristrada tradizionali, i suoi tratti riflettono chiaramente la differenza tra il corpo (abitacolo), le ruote e i parafanghi. Inoltre le forme compatte le conferiscono un carattere marcatamente sportivo. L'aspetto dei fari, posti in posizione elevata e frontale e la calandra, unitamente ai passaruota sporgenti, conferiscono alla vettura la linea di una monoposto da competizione. Grazie a una notevole altezza libera da terra e alla trazione integrale, questo modello assume però le caratteristiche di un vero e proprio 4x4.

Anche il colore di questa nuova concept-car contribuisce a caratterizzare la vettura come SUV. Il colore giallo metallizzato della Tribù, infatti, fa sì che il veicolo sia in armonia con le tonalità ocra dei percorsi fuoristrada, contribuendo così notevolmente a creare una sensazione di fusione con la natura. Le parti meno esposte a essere colpite accidentalmente durante la marcia da pietrisco o altro, come ad esempio il cofano, sono rifinite con una vernice brillante. Le zone più soggette a subire piccoli colpi o a pietrisco, invece, sono rivestite da una vernice opaca.

La fiancata della nuova Tribù è caratterizzata da numerosi elementi che ne sottolineano il carattere sportivo. Oltre alla linea dinamica che già caratterizza l'attuale generazione dei modelli SEAT, è da notare la mancanza del montante B, permettendo così una continuità visiva lungo tutta la fiancata tra i finestrini anteriori e posteriori. Le forme compatte e sportive della Tribù sono accentuate anche dalla configurazione a tre porte, in cui le portiere del conducente e del passeggero sono di grandi dimensioni e hanno la particolarità di non avere cornice.

Una volta aperte le portiere della nuova Tribù, il primo elemento che attira l'attenzione è il design degli interni che si ispira, per colori, configurazione, luminosità e proporzioni, a uno spazio tipo “loft”, in cui l'ampiezza si accompagna alla modernità. Spicca anche l'elevato grado di tecnologia di cui dispongono conducente e passeggeri per massimizzare il comfort. E tutto questo senza dimenticare l'eccellente abitabilità e le soluzioni pratiche che invitano non solo a viaggiare, ma anche a godersi il percorso.

L’elemento vetro caratterizza l’unione tra il parabrezza e il tetto panoramico consentendo agli occupanti dell'abitacolo della Tribù di essere in autentica simbiosi con l'ambiente circostante. Inoltre, la vettura trasmette la sensazione di viaggiare a bordo di un mezzo molto più ampio rispetto alle sue dimensioni effettive.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.