F1 Malesia 2013: Vettel conquista la pole, poi le due Ferrari

Il pilota della Red Bull è stato il più veloce nelle qualifiche a Sepang, ma Massa ed Alonso sono subito alle sue spalle. Quarta posizione per Hamilton, domani la partenza alle ore 9 italiane.

vettelmalesiagetty.jpg


Ancora Sebastian Vettel, ma la Ferrari c'è. Con delle qualifiche in condizioni difficili, tra pioggia e zone della pista asciutte, il pilota della Red Bull ha sfruttato al massimo il potenziale della sua monoposto ed ha concluso con il crono di 1'49"674. Ha staccato di quasi un secondo tutti gli avversari, con Felipe Massa al suo fianco in prima fila (1'50"587) e Fernando Alonso alle sue spalle, con il terzo tempo (1'50"727).

Questi tre piloti hanno realizzato tutti questo tempo negli ultimissimi secondi, passando sul traguardo sotto la bandiera a scacchi, approfittando di una pista in via di miglioramento, dopo il violento scroscio di pioggia caduto nel corso del Q2. La quarta posizione è stata di Lewis Hamilton, mentre Kimi Raikkonen (settimo) e Adrian Sutil (nono) non sono riusciti a ripetere i grandi tempi ottenuti con tracciato asciutto. 


Le Red Bull avevano rischiato clamorosamente di restare fuori nel Q1 (Webber) e nel Q2 (Vettel), ma hanno adottato la strategia giusta con gli pneumatici, salvandone il più possibile per la gara. La Ferrari si è confermata su ottimi livelli: "Cercherò di fare più punti possibili - ha detto lo spagnolo - Non siamo certi sulla prestazione della macchina in gara, perché è un po' discontinua nei long run, vedremo come andrà. Ma non c'è motivo per non essere ottimisti". La partenza è prevista per le ore 9 italiane.


La griglia di partenza del Gp di Malesia: 


1. Vettel 1'49"674
2. Massa 1'50"587
3. Alonso 1'50"727
4. Hamilton 1'51"699
5. Webber 1'52"244
6. Rosberg 1'52"519
7. Raikkonen 1'52"970
8. Button 1'53"175
9. Sutil 1'53"439
10. Perez 1'54"136


(foto Getty Images) 

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.