Ford Focus, allo studio un cofano in fibra di carbonio

La casa americana sta lavorando per realizzare un cofano di peso decisamente inferiore, rispetto a quello classico in alluminio. Primi test positivi, ma "potrà arrivare sulle vetture di serie più avanti".

carbon_fibre_hood_b_medium.JPG


Rendere le vetture più leggere è uno dei principali obiettivi delle case automobilistiche, nel corso degli ultimi anni. Non fa eccezione Ford, che sta studiando un nuovo cofano in fibra di carbonio per le proprie vetture, in particolare per la Focus. E' dal 2010 che è iniziato questo progetto, che proseguirà fino alla fine del 2013, poi verrà deciso il percorso per implementare queste nuove tecniche sulle vetture di serie.

Questo prototipo del cofano, mostrato all'evento Composites Europe di Dusseldorf, è stato realizzato in plastica irrobustita con fibre di carbonio. Sulla Focus pesa meno della metà di quello in metallo e, grazie alla tecniche avanzate di sviluppo, i tempi di realizzazione sono significativamente inferiori. In generale, i materiali in fibra di carbonio sono una delle chiavi per ottenere veicoli più leggeri di ben 340 chili entro il 2020.


I primi test sono stati positivi, sia come resistenza che a livello di sicurezza. Tuttavia, uno degli ingegneri della casa americana ammette che servirà ancora del tempo: "I componenti in fibra di carbonio potranno arrivare sulle vetture di serie solo più avanti - ha spiegato Inga Wehmeyer - Ma le tecniche che abbiamo sviluppato e perfezionato per la realizzazione di questo prototipo potranno essere senza dubbio implementate, in futuro, per la produzione".


Guarda la fotogallery della Ford Focus con cofano in fibra di carbonio Guarda la fotogallery della Ford Focus con cofano in fibra di carbonio Guarda la fotogallery della Ford Focus con cofano in fibra di carbonio Guarda la fotogallery della Ford Focus con cofano in fibra di carbonio

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.