Enzo Ferrari anniversario: 24 anni fa la scomparsa del Drake

Il 14 agosto 1988 scompariva il fondatore della casa di Maranello: ha regalato un'immagine vincente dell'Italia in tutto il mondo. "Ha sempre saputo guardare avanti - l'ha ricordato Montezemolo - realizzando il suo sogno",

enzoferrari.jpg


Sono già passati 24 anni da quel 14 agosto 1988, quando Enzo Ferrari scomparve e lasciò un vuoto nel mondo dell'automobilismo e in tutta l'Italia. La sua memoria, tuttavia, è sempre rimasta viva nel cuore degli italiani e, in particolare, dei tifosi della Ferrari. Lui inventò la casa di Maranello, creò la sezione sportiva e la portò sul tetto della Formula 1, regalando un'immagine vincente dell'Italia in tutto il mondo.

"Dobbiamo ricordare l'esempio del nostro Fondatore, in primo luogo per i più giovani - ha detto l'attuale presidente Luca Cordero di Montezemolo - Enzo Ferrari ha saputo sempre guardare avanti, anche nei momenti più difficili. Ha realizzato il suo sogno, perseguendolo con determinazione e passione straordinarie, sentimenti che animano uomini e donne che oggi lavorano nell'azienda che porta il suo nome. Sarebbe orgoglioso di vedere ciò che rappresenta la Ferrari nel XXI secolo".


Sotto la guida del suo fondatore, la Ferrari ha conquistato nove titoli piloti di Formula 1 e quindici totali, ma soprattutto è diventata un simbolo positivo dell'Italia nel globo terrestre. Numerose le sue frasi celebri, tra cui l'indimenticabile (e poi ripresa da tanti personaggi sportivi): "La vittoria più importante? Sarà la prossima". E proprio con un successo, sul circuito di casa a Monza, fu celebrato ad un mese dalla scomparsa: la doppietta Berger-Alboreto sulla rossa con dedica all'indimenticato Drake.

(foto sito Ferrari)

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.