Eleganza a 5 porte, ecco la nuova Lancia Ypsilon

110223_L_Y.jpg


Una delle regine del Salone di Ginevra è la nuova Lancia Ypsilon. La casa italiana l'ha lanciata in occasione del 25esimo anniversario della storica Y, oltre un milione e mezzo di vetture vendute nel quarto di secolo, e subito ha avuto un gran numero di ammiratori e di commenti più che positivi. E' un vero e proprio "concentrato" di lusso, tecnologia e potenza in soli 3,84 metri, e per la prima volta, viene proposta con 5 porte in grado di accogliere con maggiore comodità gli amanti dello charme, dell'eccellenza tecnologica e dell'unicità stilistica Lancia.

110214_L_NuovaYpsilon_01.jpg 110214_L_NuovaYpsilon_02.jpg 110214_L_NuovaYpsilon_03.jpg 110214_L_NuovaYpsilon_04.jpg


Pur avendo misure simili al vecchio modello, la nuova Ypsilon ha il parabrezza più avanzato mentre lo sbalzo anteriore è stato accorciato per incrementare quello posteriore, a vantaggio di un bagagliaio più capiente. Non ultima, è stata importante la scelta di avere sempre le cinque porte. Alla fine quasi sei centimetri in più sulla lunghezza totale e due centimetri in meno sull'altezza assicurano un effetto più filante.

La nuova Ypsilon è disponibile in quattro versioni: due benzina (il 1.2 8 valvole da 69 Cv e il bicilindrico 900 TwinAir), un turbodiesel (1.3 Multijet II da 95 CV) e un bi-fuel (1.2 8V benzina e GPL). Modelli per tutti i gusti, dunque, e anche per tutti i colori: sono 17, infatti, le livree disponibili per questa novità della casa italiana. Gli allestimenti interni, invece, saranno tre: il Silver (destinato ai più giovani), il Gold (più femminile e fashion) ed il Platinum (con i colori più classici come nero e marrone). Sarà in vendita a partire da giugno.


GUARDA TUTTE LE FOTO DAL SALONE DI GINEVRA

Volete qualche consiglio sulla rc auto? Per trovare l'assicurazione più conveniente per la vostra auto usate il preventivatore blogosferico!

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.