Nissan Leaf, come foglie al vento degli incentivi

Immagllelleine%201.png

Ecco uno tra i modelli di maggiore fascino del momento: la Nissan Leaf. Tutta elettrica. Ma non le basta essere bella. Per lei, come per le auto elettriche, il destino è legato agli incentivi dello Stato per acquistarle: se i bonus fossero alti, la mobilità potrebbe cambiare.

Infatti, la Leaf è la family car di segmento C capace di offrire tutto lo spazio e la praticità delle sue rivali dirette, ma con una differenza sostanziale: si tratta di un'auto interamente elettrica (EV), concepita per azzerare le emissioni e ridurre i costi di esercizio.

È il primo veicolo elettrico prodotto su vasta scala con una progettazione specifica mai costruito da una casa automobilistica ed è solo il primo messo in cantiere dall'azienda e dall'Alleanza Nissan-Renault. Realizzato a partire dalla nuovissima piattaforma EV, vanta un passo generoso da 2.700 mm e misura 4.445 mm in lunghezza, 1.770 mm in larghezza e 1.550 mm in altezza.

Il propulsore elettrico progettato internamente è collocato nella parte frontale del veicolo per trasmettere potenza alle ruote anteriori. Il motore in CA sviluppa una potenza di 80 kW e una coppia di 280 Nm, sufficienti a raggiungere una velocità massima superiore a 140 km/h (90 mph). Con una sola carica, la batteria assicura un'autonomia di circa 160 km, sufficiente per l'80% dei clienti che generalmente in un giorno percorrono in media molti meno chilometri. L'alimentazione al motore è fornita da una batteria agli ioni di litio con celle laminate, con potenza superiore a 90 kW.

La batteria a 48 moduli è installata sotto i sedili e il pianale della Leaf. Per ridurre al minimo gli sprechi, la batteria viene rifornita con l'energia rigenerata durante la frenata e la marcia a folle. Utilizzando un caricatore rapido in CC da 50 kW, bastano 30 minuti per ricaricare la batteria fino all'80% della sua capacità. Finché non verrà allestita un'infrastruttura capillare di stazioni di ricarica, si prevede che nella maggior parte dei casi i proprietari provvederanno alla ricarica a casa o sul posto di lavoro attraverso la rete di alimentazione a 220~240V.

In questo caso, per una ricarica completa da 0 al 100% ci vorranno all'incirca otto ore. La presa per la ricarica normale e rapida è collocata in una posizione facilmente accessibile sul frontale della LEAF sotto uno sportellino decorato con il logo Nissan. Nei mercati europei selezionati il primo lotto di vetture, tutte con guida a sinistra, con consegna prevista a fine 2010, potrà essere ordinato a partire dall'estate.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.