Honda CR-Z: un sogno giap

CR-Z%20INTERNI.jpg

Vi ho parlato della Honda CR-Z qui e qui. Ma non posso esimermi dal soffermarmi sul piacere di guida. Infatti, per offrire la massima versatilità di guida al conducente ed esaltare la guidabilità quotidiana, CR-Z è stato equipaggiato con un esclusivo sistema che permette al conducente di scegliere fra tre modalità di guida per modulare la risposta dell'acceleratore e dello sterzo, lo spegnimento automatico al minimo, il controllo del climatizzatore e il sistema di assistenza fornito dal sistema IMA in base alle proprie esigenze.

Così, il conducente può decidere se privilegiare il piacere di guida o il risparmio di carburante o scegliere un compromesso fra i due. Gli ingegneri Honda hanno voluto ampliare il ventaglio di possibilità offerte al conducente nella scelta dello stile di guida in base alle proprie esigenze e alle circostanze.

E occhio: il piacere di guida ha avuto un ruolo centrale nella progettazione dell'auto e il telaio contribuisce in maniera determinante al carattere e allo stile di questa nuova Honda. Il pianale condivide alcuni componenti con il modello Insight, ma il passo, la carreggiata e l'assetto sono nuovi per questa nuova ibrida. La struttura di appoggio in alluminio fucinato 

delle sospensioni MacPherson di CR-Z ha permesso di ridurre il peso e aumentare la resistenza rispetto agli elementi in acciaio stampato di Insight.

CR-Z presenta un passo ridotto di 115 mm e un ingombro inferiore di 295 mm rispetto a Insight, a garanzia di una maggiore agilità e di un peso a vuoto ridotto di 44 Kg rispetto all'equivalente in versione familiare 5 porte e 5 posti. Le sospensioni di CR-Z dispongono di nuove regolazioni per le molle e gli ammortizzatori, oltre a tolleranze progettate in maniera specifica per questo nuovo compatto coupé.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.