VW, motore d'oro

Small_DB2009AL01630_large_1.2

E quattro. Questo motore non si stanca mai di vincere. Per il quarto anno consecutivo dalla sua introduzione sul mercato, il motore 1.4 TSI a doppia sovralimentazione della Volkswagen ha ottenuto il premio "Engine of the Year" nella categoria dei propulsori da 1 a 1,4 litri. Ma l'innovativo quattro cilindri della Volkswagen è salito sul podio anche in altre due categorie in concorso. È risultato infatti vincitore sia dell'"International Engine of the Year 2009", sia del "Best Green Engine 2009".

Un trionfo senza precedenti nella storia del Costruttore di Wolfsburg, che sottolinea il successo mondiale riscosso dalla gamma TSI. Ancora una volta, la giuria internazionale composta da 65 illustri giornalisti specializzati provenienti da 32 Paesi, ha ritenuto vincente la filosofia costruttiva della Volkswagen, esprimendo un giudizio decisamente favorevole sull'efficienza dei motori TSI.

Lachiave vincente? Il downsizing, ossia la riduzione di cilindrata, assieme all'iniezione diretta di benzina e alla sovralimentazione

rende possibili notevoli prestazioni, consentendo basse emissioni e consumi contenuti.

I quattro cilindri TSI con doppia sovralimentazione, disponibili con potenze di 140, 150, 160 e 170 CV, garantiscono elevata efficienza e migliori prestazioni fra i propulsori benzina, grazie all'abbinamento di un compressore meccanico e di un turbocompressore. Il motto "massima potenza - minimi consumi" riassume in un unico concetto i vantaggi della tecnologia TSI.

Ma dove li trovate questi motori d'oro? Su tutta la gamma, dalla Polo alla Passat CC. Anche la nuova Golf dispone di un TSI sovralimentato che consuma, nella versione 160 CV con cambio automatico DSG 7 marce, appena 6,0 litri per 100 km nel ciclo combinato. Sempre seguendo la filosofia del downsizing, entro fine anno sarà montato sulla Polo il nuovo TSI 1.2 105 CV, un ulteriore highlight della Volkswagen nel campo della tecnologia motoristica.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.