DR5 scatenata: ecco l'integrale intelligente a soltanto 18.830 euro

DR5%20i-integrale%20fango.jpgC'è una Casa italiana, la molisana DR, che è scatenata. Dopo essersi confermato come il secondo crossover più venduto in Italia, la DR5 diventa anche 4WD.

Il propulsore è un 2.0 Euro 4 della Acteco. Quattro cilindri con una potenza massima di 95 Kw (128 Cv) a 5500 giri/min ed una coppia massima di 180 Nm a 4000 rpm.

Il sistema di trazione è quello intelligente della Borg Warner, leader mondiale nel settore. Il sistema ITM 3e è l'ultima tecnologia interattiva di Borg Warner nel campo della trazione anteriore/ trazione integrale (FWD/AWD). A differenza di altri dispositivi  elettromagnetici, utilizza un terzo elemento di attrito.

Si tratta di un sistema 4WD controllato elettronicamente. Il modulo di controllo interagisce con l'ECU del motore, raccoglie i segnali dai sensori del telaio in modo da valutare la velocità di rotolamento di ogni singola ruota e distribuisce parte della coppia all'asse posteriore in tempo reale.

L'ITM funziona come una frizione elettromagnetica. Il dispositivo è in grado di distribuire con graduale continuità la coppia dall'asse anteriore all'asse posteriore fino ad un rapporto 50:50. In condizioni ordinarie, senza criticità di grip, la coppia motrice viene trasferita esclusivamente all'asse anteriore.

Secondo la Casa, ne conseguono consumi

ottimizzati e una brillante tenuta di strada. Le sospensioni morbide e confortevoli contribuiscono a conferire complessivamente all'auto un eccellente comportamento dinamico.

Il prezzo di listino del benzina è di 18.830 euro che diventano 17.830 grazie al contributo rottamazione/permuta DR. La DR5 2.0 i-integrale sarà disponibile anche nelle versioni bi-fuel, benzina/GPL a 17.830 (ai 20.330 euro di listino vanno sottratti i 1.500 euro di ecoincentivo statale ed il contributo rottamazione DR di 1.000 euro) e benzina/metano a 18.830 euro ( 21.330 euro - il bonus di 2.500 euro). 

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.