MultiAir e Alfa Romeo MiTo: coppia favolosa

090615_AR_MitoMAir.jpgCi siamo. A settembre, arriva l'Alfa Romeo MiTo con i motori 1.4 Turbobenzina MultiAir. Che coppia! Siamo di fronte a una rivoluzionaria tecnologia sviluppata e brevettata da FPT - Fiat Powertrain Technologies, e a una vettura di grande fascino, seppure possa considerarsi un'utilitaria.

Che la MiTo sia un modello vincente lo dicono i numeri: 60.000 ordini; è commercializzata in 34 Paesi nel mondo e in cinque continenti.

Per i nuovi propulsori, Fiat parla giustamente di "punto di rottura" rispetto all'attuale scenario dei motori a benzina, proprio come avvenne a suo tempo per la tecnologia diesel Common Rail portata al debutto dall'Alfa Romeo 156 nel 1997. Basti pensare che, rispetto a un tradizionale motore a benzina di pari cilindrata, i propulsori MultiAir assicurano un incremento di potenza (fino al 10%) e coppia (fino al 15%: da qui il titolo del post...), oltre a una sensibile riduzione di consumi (fino al 10%) ed emissioni di CO2 (sino al 10%), di particolato (sino al 40%) e di NOx (sino al 60%).

Cuore del MultiAir è il nuovo sistema elettro-idraulico di gestione delle valvole che permette di ridurre i consumi (grazie ad un controllo diretto dell'aria mediante le valvole di aspirazione del motore, senza l'utilizzo della farfalla) e le emissioni inquinanti (merito del controllo della combustione). Inoltre, emblema del concetto di "downsizing", il Multiair è una tecnologia versatile, facilmente applicabile a tutti i motori a benzina, con un futuro potenziale sviluppo anche ai motori diesel.

Capostipite di questa rivoluzionaria famiglia è il motore MultiAir 1.400 16v turbocompresso e aspirato che sul modello Alfa Romeo MiTo sarà proposto con 3 diversi livelli di potenza (105 CV, 135 CV e 170 CV) e abbinati a cambi meccanici a 5 o 6 marce. Se i primi due saranno offerti su tutti gli allestimenti della gamma MiTo, il terzo sarà esclusivo dell'inedita versione

denominata "Quadrifoglio Verde" che debutterà successivamente al lancio.

Realizzati a Termoli (CB) presso lo stabilimento di FPT - Fiat Powertrain Technologies, i nuovi motori MultiAir sono stati pensati fin dall'inizio dello sviluppo per esaltare ulteriormente il selettore Alfa DNA, il dispositivo che permette di adattare la personalità di Alfa Romeo MiTo alle esigenze del guidatore e alle diverse condizioni stradali. Inoltre, per la prima volta sulla "compatta più sportiva di sempre", debutta il sistema Start&Stop - abbinato proprio ai motori MultiAir - che gestisce lo spegnimento temporaneo del motore e il suo successivo riavviamento (ad esempio nel caso di sosta al semaforo), mantenendo in funzione tutti gli altri dispositivi della vettura destinati al comfort dei passeggeri.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.