Mégane: altra superstar Renault in fatto di sicurezza

Immamegine%201.png

Vedo un sacco di verde nella pagina di Euro NCAP dedicata alla Renault Mégane. Buon segno. Si tenga presente che Renault è l'unico costruttore ad aver ottenuto 11 volte il rating massimo delle 5 stelle: la New Mégane è la più recente superstar. 

Immaginree%201.png 

Infatti, con un punteggio di 37 punti (il massimo: eccezionale) ai crash test occupanti adulti, New Mégane si rivela l'auto più sicura tra tutte quelle testate dall'organismo indipendente, senza distinzione di categorie.

La struttura a deformazione programmata di New Mégane assorbe l'energia in caso di urto, in modo da preservare al meglio l'integrità dell'abitacolo e la vita dei passeggeri. Materiali e acciai ad alto limite di elasticità garantiscono il massimo potenziale di assorbimento e dissipazione dell'energia cinetica. Il controllo globale delle deformazioni consente di ridurre la decelerazione subita dai passeggeri e, associato al Sistema Renault di Protezione di 3° generazione (SPR3), fornisce un livello di protezione particolarmente elevato.

Questo prende in considerazione la violenza dell'urto e la morfologia dei passeggeri. Coniuga doppio pretensionatore delle cinture di sicurezza ai posti anteriori e pretensionatori ai posti laterali posteriori (limitando in tal modo lo spostamento del corpo in avanti, grazie alla tensione del nastro della cintura sul torace e sul bacino), limitatore

di carico per tutti i posti (che riduce la pressione esercitata dalla cintura di sicurezza sul torace) e airbag adattativi a doppio stadio a due volumi (che si gonfiano nella misura strettamente indispensabile e completano lo smorzamento dell'urto). Evita l'effetto submarining, il fenomeno per il quale il bacino scivola sotto la fascia inferiore della cintura di sicurezza, esponendo il passeggero al rischio di lesioni addominali, a volte molto gravi, in caso di urto.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.