Nuova Honda Jazz: quanto mi attraggono i tuoi motori!

Jazz.jpg

I giap della Honda possono inventarsi la carrozzeria che vogliono. In questo caso, la nuova Jazz ridefinisce i parametri di design e spaziosità del segmento B, grazie a uno stile personale e innovativo: è una particolare MPV assai pratica, cioè una Multi-purpose vehicle (incrocio tra monovolume e station wagon). Ma a me della Jazz attraggono tantissimo i motori. Perché so bene che i propulsori dei nippo non si scassano neppure se li prendi a martellate.

I nuovi e potenti motori a benzina si avvalgono della tecnologia a fasatura variabile VTEC di Honda: l'equilibrio fra consumi e prestazioni è ai vertici della categoria. I nuovi motori 1.2 e 1.4 sono abbinati a un cambio manuale a 5 rapporti o al cambio automatico sequenziale i-SHIFT con leve di comando al volante (modello 1.4).

Con una potenza di 90 CV ispetto ai 79 CV del precedente a 6000 giri/min e una coppia di 114 Nm contro i 110 Nm per un miglioramento globale delle prestazioni, il 1.2 consuma solo 5,1 l/100 km nel ciclo combinato (rispetto ai 5,5 precedenti), mentre le emissioni di CO2 sono state ridotte da 129 a 120 g/km.

Il nuovo motore 1.4 da 100 cv e 127 Nm presenta un consumo di soli 5,3 l/100 km per il modello manuale e addirittura di soli 5,1 l/100 km nelle

versioni con cambio automatico sequenziale i-SHIFT (nel 1.4 CVT precedente era di 5,9 l/100 km).Le emissioni di CO2  sono scese rispettivamente a 124 e 120 g/km (prima erano di 137 e 139 g/km), le più basse della categoria.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.