Delta, risplende lo storico bicolore Lancia

080604_L_Delta_21_800.jpg

Ha una linea affascinante, e tale sarebbe il mio giudizio anche se fosse di colore arancione a puntini verdi; tuttavia, la Lancia Delta che mi acchiappa di più - e che suggerisco a voi lettori - è quella bicolore.

Ma andiamo con ordine. Il frontale è azzeccato: c'è una calandra imponente, emblema del marchio, dove confluiscono armoniosamente il cofano ben scolpito e le linee fluide del passaruota. Inoltre, l'aspetto dinamico della vettura viene sottolineato dall'ampia presa d'aria inferiore che "preannuncia" il temperamento motoristico di Lancia Delta. Infine, i proiettori sono gioielli di design e ingegneria, ornati da una fila di led nel profilo basso.

Di lato, il tratto conduttore è la linea di cintura alta e il montante posteriore a forma di trapezio, naturale supporto all'ampio tetto Granluce di chiara ispirazione nautica. Si tratta di un tetto apribile che interessa tutta la superficie del padiglione (1,46 metri quadri), caratterizzato con un esclusivo "total glass effect" esteso anche agli elementi fissi di finizione. Grazie a una superficie vetrata trasparente di 0,7 m2, il tetto Granluce offre una luminosità eccellente ponendo la nuova Delta ai vertici della sua categoria.

080604_L_Delta_22_800.jpg

Ed eccoci al cuore della questione. Contribuiscono alla linea filante della vettura sia le modanature cromate - sono perfettamente integrate nelle guarnizioni dei cristalli ed enfatizzano il tetto Granluce - sia il contrasto cromatico della zona inferiore del brancardo, in grigio opaco, che riprende il bicolore del tetto.

Attenzione il doppio colore è una 

peculiarità delle grandi Lancia del passato. La verniciatura bicolore ritorna sugli ultimi modelli attraverso un lungo processo di verniciatura (rispetto al processo tradizionale sono necessarie 6 ore ulteriori): quello che ieri era un contenuto "artigianale" ad appannaggio di pochi, oggi viene offerto da Lancia sull'intera gamma. 

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.