Test drive Hummer H3: al volante ti senti come in una culla

DSC_2439.JPG

Continuo a parlare dell'Hummer che ho avuto il piacere di avere tra le mani. Dopo esserci lustrati gli occhi col design, ecco le mie considerazioni su come va l'Hummer H3, il mio cucciolo che ho... "tappezzato" di scritte e loghi Blogosfere, come vedete nelle foto.

DSC_2455.JPG 

Il motore GM Vortec a 5 cilindri in linea da 3.7 litri con doppio albero a camme in testa, induzione a quattro valvole per cilindro e distribuzione a fasatura variabile, lo senti da dio. Ti spinge splendidamente con la massima prontezza: sviluppa 244 CV a 5.600 giri/min. e una coppia di 328 Nm a 4.600 giri/min.

DSC_2466.JPG

Fra l'altro, guidavo in scioltezza: niente frizione. Perché l'H3 è il primo modello Hummer a offrire la scelta tra cambio manuale e automatico. Oltre alla trasmissione automatica Hydra-Matic 4L60 a quattro rapporti a gestione elettronica, c'è un cambio manuale a cinque rapporti.

DSC_2470.JPG

Ma, alla radice delle capacità del tenero H3 di dominare situazioni al limite dell'impossibile, c'è il suo sistema di trazione integrale a gestione elettronica. Che è stato potenziato tramite il controllo della trazione, un differenziale posteriore autobloccante opzionale e il controllo della stabilità StabiliTrak, montato di serie.

DSC_2479.JPG 

L'H3 può guadare 407 mm d'acqua a 32 km/h oppure un ruscello da 610 mm ad un'andatura di 8 km/h e superare gradoni verticali o rocce fino ad altezze di 407 mm. L'ho testato in situazioni non così estreme e mi pareva di stare in una culla, al riparo da ogni pericolo esterno.

DSC_2519.JPG 

Queste prestazioni in fuoristrada vengono inoltre supportate dalla disposizione delle ruote alle quattro estremità del veicolo, con sbalzi, sia anteriore che posteriore, minimi per angoli di attacco eccellenti: 37,5° anteriore e 34,6° posteriore. Così l'H3 si addentra in una buca e ne esce senza rischio di rimanere bloccato.

DSC_2537.JPG 

Sì, le strade oscene di Milano, piene di buche, tombini sporgenti e denti dei binari, mi han fatto un baffo.

DSC_2903.jpg

Le dimensioni più compatte dell'H3 offrono vantaggi in termini di manovrabilità, come un diametro di sterzata di 11,3 metri che facilita l'esecuzione sia delle manovre di parcheggio, sia delle curve strette in angusti passaggi in fuori strada. La luce a terra di 216 mm e l'angolo limite massimo di 23,5 gradi permettono di superare grandi ostacoli nella guida fuori strada.

DSC_2910.jpg 

Unico limite, probabilmente dovuto a mia mancanza di esperienza nel gestire bestioni del genere, è la difficoltà di percepire con esattezza gli ingombri in retromarcia: meglio fare manovre in spazi ampi... 

(E non è finita qui! Ho ancora molto da dire su questo bestione. Restate in contatto!) 

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.