Fiat, record mica male grazie anche alle nuove 500 e Bravo

070705_F_Fiat500_15_800bb.jpg

A Fiat va il primato europeo nella riduzione delle emissioni di CO2 (anidride carbonica). Tra i dieci marchi più venduti in Europa, Fiat è il brand che nel 2007 ha registrato il valore medio più basso di emissioni di CO2 sulle proprie vetture vendute: 137,3 g/km. Il primato è stato riconosciuto dalla società Jato, leader mondiale per la consulenza e ricerca nel campo automotive.

L'analisi della JATO vede Fiat precedere i marchi Peugeot (141,9 g/km), Citroen (142,2 g/km), Renault (146,4 g/km), Toyota (141,9 g/km), Ford (149,1 g/km), Opel/Vauxhall (152,9 g/km), Volkswagen (161,7 g/km), Bmw (176,7 g/km) e Mercedes (188,4 g/km).

L'obiettivo Fiat è quello di raggiungere, entro il 2012, il più basso livello medio ponderato di emissioni di CO2 per le sue automobili. In che modo?

1) Attraverso l'introduzione di un piano di intervento mirato su motori e trasmissione.

2) Con l'utilizzo dell'Eco Drive, un'innovativa applicazione sviluppata con Microsoft: attraverso la porta USB del sistema Blue&Me, consente di analizzare lo stile di guida dell'automobilista aiutandolo a ottimizzarne il comportamento in termini di consumi e quindi di emissioni.

Certo che le nuove auto Fiat hanno dato una bella mano a raggiungere il record: 500 e Bravo (che hanno introdotto i propulsori Euro 5 Ready).

In più, la Fiat è leader mondiale nel campo delle vetture a metano (lo scorso anno in Italia ne sono state vendute oltre 50.000). Si tenga presente che l'uso del metano presenta una valenza positiva sia sul piano dei benefici ambientali (riduzione di circa il 23% delle emissioni di CO2 e a 0 le emissioni del PM), sia sotto l'aspetto economico. La linea ecologica "Natural Power" vede un'ampia gamma di veicoli con doppia alimentazione, metano-benzina, capace di rispondere alle esigenze di mobilità di una vasta categoria di utenti, compreso il settore professionale: Doblò, Punto, Multipla, Panda, Grande Punto che sarà in vendita entro l'anno.

Infine, da sottolineare il downsizing Fiat 1.4 T-Jet e 1.6 Multijet. Importante l'adozione
di un turbocompressore di nuova generazione, abbinato ad un motore di cilindrata ridotta, che consente di esprimere prestazioni confrontabili o migliori a propulsori di cilindrata superiore, ma con consumi ed emissioni inferiori.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.