Daihatsu Cuore in prova: mi pare sicura, in attesa dei crash test

DSC_2254.JPG

DSC_2258.JPG

DSC_2325.JPG

DSC_2347.JPG

DSC_2357.JPG

DSC_2372.JPG

Non è ancora stata sottoposta a crash test Euro NCAP; a me che l'ho provata, la Daihatsu Cuore pare sicura, almeno a livello di stabilità e dotazioni.

La carrozzeria, a scocca portante, è realizzata in lamiere d'acciaio ad alta resistenza, tenendo conto di diverse esigenze: da un lato preservare al massimo i passeggeri in caso d'incidente, dall'altro prevedere il contenimento dei danni nei confronti di eventuali pedoni.

Per la protezione dei passeggeri è stata realizzata una cellula protettiva per l'abitacolo, destinata a garantire uno spazio vitale di sopravvivenza. Le parti anteriori e posteriori, esterne rispetto alla cellula (principalmente frontale e coda), sono a deformazione programmata, con pannelli ad assorbimento d'urto.

A disperdere l'energia cinetica dell'impatto contribuiscono anche i componenti delle sospensioni, mentre nella parte anteriore lo sterzo è del tipo collassabile in modo da non invadere l'abitacolo.

La pedaliera è stata realizzata in modo che, in caso di urto frontale, non vada ad interferire con i piedi del guidatore. Anche in caso di urto laterale gli occupanti possono contare su parti deformabili della carrozzeria, con pannelli ad assorbimento differenziato, mentre sono stati rinforzati i montanti (con una particolare attenzione a quello centrale surdimensionato), le barre laterali antintrusione e le parti più esposte del pianale. I

Infine, in caso di impatto, un interruttore inerziale provvede sia a togliere corrente all'accensione motore sia ad interrompere l'afflusso di carburante per prevenire il pericolo di incendio.

Tutte le cinture di sicurezza per i quattro passeggeri hanno pretensionatore high power, quelle posteriori sono  

ancorate sui montanti. 

Per contenere i danni alla testa e alle gambe dei pedoni, in caso di investimento, anche parafanghi, paraurti anteriore (con un disegno particolare), cofano motore e tetto sono stati realizzati con materiali deformabili in condizioni di assorbire e mitigare gli effetti dell'impatto.

  • shares
  • Mail

I commenti sono momentaneamente disabilitati. Saranno nuovamente abilitati nei prossimi giorni.
Ci scusiamo con i nostri lettori.